CONGRESSO SIT: TELEMEDICINA E FARMACIE: RITORNO AL FUTURO

COMUNICATO STAMPA

a cura di Letizia Magnani

Si svolge oggi, venerdì 22 ottobre e domani, sabato 23 il congresso annuale nazionale della SIT, la Società Italiana di Telemedicina. Mette assieme tutte le competenze che possono sviluppare la telemedicina.

Fra i panel più interessati proposti da SIT anche questo sul tema: “P.N.R.R. e promozione della Sanità Territoriale. Cominciamo a mettere in rete quello che c’è e funziona: le farmacie, gli studi medici e le cooperative di assistenza domiciliare”, simposio SIT Regione Puglia, con il contributo di Cardio On Line Europe. Al centro del dibattito il ruolo delle farmacie nella nuova medicina, post pandemia.

I relatori hanno messo in evidenza il ruolo fondamentale avuto dalle farmacie italiane nel rapporto fra i cittadini e la medicina nel periodo della pandemia. La rete delle farmacie italiane è un servizio fondamentale nel Servizio Sanitario Locale, per creare un dialogo serie e continuo con le istituzioni e con lo stato. Nel momento in cui le farmacie diventato presidio sanitario vanno però pensate in maniera diversa, molti servizi utili e fondamentali per i cittadini – a partire dai tamponi – sono già realtà e le farmacie italiane sono la piattaforma migliore per sviluppare la telemedicina. Si passi però dalla sperimentazione alla realtà, anche con la prospettiva data dai fondi del PNNR.  E’ sempre più fondamentale la cooperazione e la coproduzione che sia Medici sia Farmacisti vogliono e che consentirà di coinvolgere anche l’area sanitaria tra cui gli infermieri di comunità. La Farmacia dei Servizi come crocevia di professionalità diverse in cui ognuna assume le responsabilità che competono al ruolo interoperando in modo efficiente con le altre. E’ già una realtà, post covid, per tamponi e vaccini. 

Condividi questo articolo sui social

Facebook
Twitter
LinkedIn

Una risposta

  1. Interventi Di Rocco Carbone
    Congresso Nazionale SIT 2021 – 22 e 23 ottobre 2021
    LA TELEMEDICINA: PRESENTE E FUTURO
    Congresso Nazionale della Società Italiana per la Salute Digitale e la Telemedicina
    ABSTRACT
    di Rocco Carbone – Presidente CTS – SIT Basilicata
    La telemedicina, strumento essenziale per lo sviluppo della sanità del territorio e dell’interazione tra i professionisti della salute.

    Razionale
    L’istituzione della farmacia dei servizi, negli ultimi due anni ha avuto un’accelerazione applicativa anche oltre le attività e mansioni previsti dalla legge 69/2009, dal D.lvo 153 e successivi decreti attuativi. Nello stesso tempo la farmacia ha risposto compatta e dando al cittadino un riferimento certo e continuo sul territorio.
    L’esigenza scaturita, di potenziare e avvicinare verso i cittadino la sanità del territorio e l’offerta dei servizi di telemedicina, convalidano la farmacia di comunità come la struttura sanitaria più vicina al cittadino e in grado di interagire con tutti i professionisti della salute, proprio come enunciato nei dispositivi istitutivi della Farmacia dei Servizi.
    L’evento pandemico ha fatto slittare l’applicazione dei cronoprogrammi, previsti dalla sperimentazione della farmacia dei servizi, ma ha consentito, nello stesso tempo, di sperimentare nuovi servizi in farmacia nel campo della prevenzione: vaccinazioni, tamponi, ecc.
    Scopo e obiettivo
    La realizzazione e aderenza di questo nuovo modello di sanità territoriale comporta un cambiamento di indirizzo del modo di fare sanità. Tutti gli operatori sanitari saranno chiamati a prendersi in carico e cura del paziente, in particolare del paziente cronico, ed il farmacista avrà il ruolo di seguire il farmaco, la terapia farmacologica non più fermandosi al banco della farmacia con l’atto dispensativo, bensì, seguendo l’assunzione del farmaco a domicilio del paziente, presso le case di riposo (RSA) e partecipando all’ADI (Assistenza domiciliare integrata) proprio per seguire tutte le attività di monitoraggio del farmaco e di interazioni con altre professionisti sanitari.
    Con la partecipazione nel team dell‘assistenza territoriale integrata, il farmacista apporterà le sue competenze in una serie di servizi “cosiddetti cognitivi”: aderenza alla terapia, rischio clinico, il monitoraggio degli effetti avversi e le interazioni tra farmaci, farmaci e alimenti e le reattività individuali agli alimenti e alle sostanze chimiche contenute negli alimenti . Attività che il farmacista svolgerà direttamente o sotto la sua supervisione e responsabilità anche con altri operatori.
    Risultati e conclusioni
    La finalità di questo intervento porterà ad una migliore compliance farmacologica, una migliore efficacia della risposta terapeutica e una riduzione del carico tossinico generato dalle poli-terapie.
    Il tutto si tradurrà in un diretto controllo e monitoraggio della terapia con una migliore e più rapida guarigione, una riduzione delle recidive da terapia non eseguita, spesso, secondo prescrizione medica, con riduzione dei costi a carico del SSN e riconoscendo al paziente il principio della customer satisfaction.
    Questi interventi sono oggi possibili grazie a strumenti e applicazioni della telemedicina che possono intervenire e coadiuvare nell’aderenza terapeutica e il monitoraggio continuo del paziente sul territorio, senza spostamenti chilometrici, dei pazienti, dei loro familiari e cargiver.
    La farmacia di comunità espleterà la sua funzione all’interno del suo bacino di utenza e attenendosi alla pianta organica prevista per ogni comune del territorio nazionale.
    ABSTRACT
    by Rocco Carbone – President of CTS – SIT Basilicata
    Telemedicine, an essential tool for the development of local health and the interaction between health professionals.
    Congresso Nazionale della Società Italiana per la Salute Digitale e la Telemedicina
    ABSTRACT
    di Rocco Carbone – Presidente CTS – SIT Basilicata
    La formazione professionale per una efficace gestione della farmacia dei servizi e della sanità territoriale.
    Razionale
    La Legge 69/2009, il D.L.vo 153 e i successivi decreti attuativi istituiscono la farmacia dei servizi quale punto di riferimento per il decentramento dell’assistenza sanitaria sul territorio.
    Al fine di realizzare e rendere operativa la Farmacia dei servizi, già pharmaceutical care sperimentata nei paesi anglosassoni, è necessario creare e formare un gruppo interattivo di sanitari del territorio.
    In collaborazione con le farmacie di comunità, il team costituito, dai vari professionisti della salute, prenderà in carico il paziente. Con l’ausilio della telemedicina potrà essere curato, evitando faticosi spostamenti, nel proprio ambiente. Col supporto della telemedicina il paziente potrà accedere a tele-visite specialistiche, diagnostica strumentale con refertazione in telemedicina, auto-gestione e tele-monitoraggio in remoto, anche ai fini di una de-ospedalizzazione .
    Scopo e obiettivo

    La Università Telematica Pegaso attenta ai cambiamenti nell’ambito sanitario e del necessario potenziamento della sanità sul territorio propone a medici, farmacisti e operatori sanitari due master finalizzati ai nuovi cambiamenti della sanità territoriale.

    PROFILO MASTER DI I LIVELLO
    Farmacia dei servizi: Il ruolo delle professioni sanitarie
    Il corso è finalizzato alla formazione degli operatori della salute (infermiere, fisioterapista, psicologo, assistente sanitario) per le attività previste dalla farmacia dei servizi.
    Queste professioni sanitarie saranno di supporto al farmacista e alle nuove funzioni che la farmacia dei servizi è chiamata a svolgere nell’assistenza sanitaria del territorio.

    PROFILO MASTER DI II LIVELLO
    Interazione tra professionisti della salute per una corretta ed efficace gestione della farmacia dei servizi
    Il corso è finalizzato alla formazione di professionisti della salute (farmacisti, medici, psicologi) per le attività previste dalla farmacia dei servizi.
    Con la digitalizzazione della sanità e l’impiego della telemedicina, si avrà una sanità più vicina alle esigenze del paziente, più equa, mirata alla centralità del paziente. Si amplierà il ruolo del farmacista oltre il banco della farmacia e potrà intervenire in alcuni aspetti clinici, legati all’uso del farmaco a domicilio del paziente, nelle RSA e in collaborazione con l’ADI.

    Risultati e conclusioni

    DESTINATARI
    Il corso è finalizzato ad integrare la formazione degli operatori della salute: farmacisti, medici, psicologi, infermieri e operatori sanitari.

    CONTENUTI
    Gli argomenti di apprendimento sono raggruppati in sei aree costituite da insegnamenti di grande attualità e necessari per comprendere la richiesta di aiuto del paziente, la comunicazione efficace tra professionisti della salute, e le conoscenze per una nuova medicina integrata che pone il paziente al centro, paziente-centrica. Quindi, la formazione dev’essere strutturale e implementativa delle discipline non contemplate nella formazione accademica tradizionale.

    AREE DI APPRENDIMENTO
    I. Il Conseling in farmacia e il Farmacista Counselor
    II. La comunicazione efficace ed empatica
    III. Cure naturali e monitoraggio sull’uso degli integratori alimentari
    IV. Nutraceutica, nutrizione e reazioni avverse agli alimenti e reattività individuali agli alimenti e alle sostanze chimiche contenute negli alimenti
    V. I servizi cognitivi della farmacia clinica di comunità
    VI. Gestione della farmacia dei servizi

    Il Master di 1500 ore rilascia 60 CFU ed esonero dagli ECM per l’anno in corso di frequenza (50 ECM)

    ABSTRACT
    by Rocco Carbone – President of CTS – SIT Basilicata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La Società Italiana di Telemedicina

augura a tutti

Buon Natale

e Felice Anno Nuovo